Le parole da sapere per non sbagliare

DICHIARAZIONE DEI REDDITI
È l’atto attraverso il quale il contribuente comunica la propria situazione reddituale su modelli predisposti annualmente dall’Agenzia delle Entrate. Per le persone fisiche il modello da utilizzare può essere «Unico Pf (persone fisiche) ordinario» o - da quest’anno - «Unico Mini», oppure il modello «730», se il dichiarante è un lavoratore dipendente o un pensionato.
DETRAZIONI
Sono le agevolazioni consistenti nella possibilità di sottrarre determinate somme dall’imposta lorda. In particolare le detrazioni spettano ai contribuenti che hanno familiari a carico o che posseggono redditi di lavoro dipendente o di pensione, di lavoro autonomo o professionale e di impresa minore. Ci sono, poi, una serie di spese che danno diritto a una detrazione d’imposta, nella misura fissa del 19 per cento.
DEDUZIONI
Sono le spese che si possono sottrarre dal reddito complessivo, con un beneficio rapportato all’aliquota marginale raggiunta dal contribuente. Operano pertanto in modo diverso dalle detrazioni, che abbattono l’imposta da pagare.
ONERI DETRAIBILI
Sono le spese che la legge consente di detrarre percentualmente dall’imposta lorda. I principali sono: spese mediche, interessi passivi su mutui ipotecari per l’abitazione principale, premi di assicurazioni, spese funebri, spese di istruzione, determinate erogazioni liberali in denaro.
ONERI DEDUCIBILI
Sono le spese che la legge consente di dedurre dal reddito complessivo lordo. I principali sono: i contributi previdenziali e assistenziali versati in ottemperanza di disposizioni legislative, gli assegni periodici corrisposti al coniuge legalmente separato, le erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose, le spese mediche e di assistenza specifica per i portatori di handicap, eccetera. La deducibilità è ammessa a condizione che gli oneri siano stati sostenuti dal contribuente e siano rimasti a suo carico nel periodo d’imposta.