Il parroco: «Era attaccato al piccolo in modo ossessivo»

Tanta violenza psicologica e da anni. Nei confronti del figlio ma soprattutto della moglie. Questo dispensava l’egiziano che ieri ha ammazzato il proprio figlio a sangue freddo, per poi togliersi la vita, in una sequenza che i carabinieri definiscono da premeditazione e lo dicono le testimonianze. Lo sa bene il parroco che spesso vedeva il ragazzino arrivare in oratorio, un parco centrale di San Donato, e che ora vuole mantenere l’anonimato.
Dice: «Si vedeva che qualcosa non andava quando quell’uomo accompagnava il figlio. Era fin troppo attaccato al piccolo, in maniera quasi ossessiva. Senz’altro non equilibrata, almeno a vedersi». Ma in comune se ne sa molto di più. È dai servizi sociali che si piega, anche qui con la volontà di rimanere nel più stretto anonimato. «Quella famiglia la si è vista più e più volte qui nei nostri uffici. Non c’erano affatto problematiche di ordine economico. Anzi. Lui, operatore turistico, lei impiegata con mansioni di responsabilità stavano assolutamente bene. Il fatto è che c’erano pressioni psicologiche forti sulla moglie. E, in più il marito non aveva mai accettato il fatto che il proprio figlio fosse stato affidato a lei».
Non per niente l’assessore ai Servizi sociali di San Donato Marco Zampieri ora dice: «Li conoscevamo benissimo. È per questo che ora sono assolutamente sconvolto». Mentre ieri, sul posto, appena dopo i fatti è accorso anche il direttore sanitario della Asl di zona, Emilio Triaca, che ha voluto specificare subito a chiare lettere: «La struttura era protetta, nessuno poteva immaginare». Ma sui fatti ha voglia di parlare anche Giovanni Cafaro, consigliere comunale di San Donato impegnato da tempo anche sul fronte antiviolenza a 360 gradi che commenta: «Abbiamo assistito a un gesto di autentica follia. Ora ci rimane solo la solidarietà da portare alla madre disperata». Senza parole, a San Donato, è anche il vicesindaco pro tempore Pietro Carlesi che parla di scene che non si erano mai viste in zona. «Per i prossimi giorni ho voglia di capire di più. Sono molto amareggiato e al momento non riesco a trovare una giustificazione a questo dramma, nella nostra che è una città nella quale si vive, di solito, bene».