Parte la campagna di tesseramento del Pdl, oggi e domani 19 gazebo

Oggi e domani a Roma, e in tutta Italia, parte la campagna nazionale di tesseramento del Pdl. A Milano sarà in piazza il premier Silvio Berlusconi. Nella capitale da questa mattina sono aperti 19 gazebo, uno per municipio. Quello principale è in piazza San Lorenzo in Lucina, di fronte allo spazio Etoile. Gli altri si trovano in piazza Santa Emerenziana (II), piazza Bologna (III), piazza Conca d’Oro (IV), via Tiburtina 541 (V), via Roberto Malatesta (VI), via dei Castani (VII), largo Monreale (VIII), piazza Re di Roma (IX), via Palmiro Togliatti angolo piazza Cinecittà (X), centro commerciale I Granai (XI), viale Europa (XII), piazza Anco Marzio (XIII), viale Marconi (XV), via Colli Portuensi (XVI), piazza Cola di Rienzo (XVII), piazza Irnerio (XVIII), via di Torrevecchia 222 (XIX), piazza del Dazio (XX). «È un’altra occasione - dichiarano in una nota congiunta il coordinatore regionale Vincenzo Piso e il coordinatore romano Gianni Sammarco - per testimoniare la nostra presenza sul territorio e per ridurre quanto più possibile le distanze tra la politica e la gente. Una pagina, tra le tante, di bella politica, fatta di passione, partecipazione e amore per la città». I gazebo resteranno aperti ininterrottamente, ancge domani, dalle 9 del mattino alle 7 di sera. A San Lorenzo in Lucina nel pomeriggio, ore 15, sono annunciati il sindaco Gianni Alemanno, il commissario ai trasporti dell’Ue Antonio Tajani, e l’europarlamentare Alfredo Antoniozzi. La segreteria organizzativa ieri sera era in attesa di sapere se il voto alla Camera sulla Finanziaria consentirà altre partecipazioni.
Ieri il vice-coordinatore romano Luca Malcotti e il presidente del consiglio del Comune, Marco Pomarici, hanno spiegato per filo e per segno le modalità di iscrizione. Per tesserarsi è sufficiente un documento e la compilazione di un modulo. La quota, da pagare alla posta, è di 20 euro per gli aderenti e di 50 euro per gli associati, che a differenza dei primi hanno diritto anche al voto passivo. Ossia sono eleggibili. Over 65 e giovani hanno diritto al 50% di sconto. La quota per i parlamentari e i consiglieri regionali è invece di 1.000 euro.
Le iscrizioni vanno pagate individualmente. «Non saranno consentiti pacchetti di tessere - puntualizzano Malcotti e Pomarici - L’intento è di costruire un grande partito popolare e realmente partecipato. Dunque vogliamo iscritti veri. L’augurio è che la maggior parte partecipi attivamente ai circoli territoriali e a quelli aperti presso le sedi di lavoro». Naturalmente quella di oggi e domani è solo l’apertura della campagna di tesseramento, che proseguirà presso le varie sedi del Pdl. Sarà possibile fare la tessera anche via internet. A quanti iscritti punta il Pdl a Roma città? «Rispetto al 2007-2008, quando avevamo rispettivamente 33mila tesserati in An e 20mila in Forza Italia, credo che saranno molti di più - calcola Malcotti - Tenendo conto che il consenso popolare è cresciuto, e che c’è il contributo di altri partiti, ci aspettiamo 70-80mila iscritti». Un numero-record. Senza escludere la possibilità di fare cifra tonda: 100mila. «Del resto - aggiunge Pomarici - quando nel 2007 abbiamo chiamato all’elezione diretta del coordinamento romano, ai gazebo in due giorni sono venute 23mila persone».
Ultime battute, per finire, sulla domanda del momento: quando sarà annunciato il candidato del Pdl alla Regione? «Noi ci auguriamo che il nome si faccia in fretta, senza regalare altro vantaggio al centrosinistra - rispondono Malcotti e Pomarici - Dopo lo scandalo Marrazzo avevamo un certo vantaggio tattico, avremmo avuto buon gioco. Ma la candidatura è rientrata nel quadro nazionale».