Parte la Tav, arrivano 7 milioni di nuovi milanesi Domani l’inaugurazione della «metropolitana d’Italia». In un’ora si va a Bologna, in 3 ore e 30 a Roma, in meno di 5 a Napoli Un altro milione e mezzo di cittadini a meno di 2 ore, e altri sette a me

Una rivoluzione, quella dell’Alta velocità ferroviaria che parte domani. Una novità che «rimpicciolisce» l’Italia. Milano - se tutto andrà bene - sarà molto più vicina al resto del Paese: a 3 ore e mezza da Roma, a poco più di un’ora da Bologna, a meno di 5 da Napoli. I tempi dalla Capitale si ridurranno di un’ora netta da un giorno all’altro.
La metropolitana d’Italia - Trenitalia la chiama così - significa una città più a «portata di mano» per tutti, con conseguenze importanti a tutti i livelli. Gli italiani a meno di 3 ore da Milano - lo dice uno studio della Camera di commercio - saranno 7 milioni, 1 milione e mezzo quelli a meno di due ore. L’indotto turistico crescerà di 4,8 miliardi di euro; gli ospedali potranno essere raggiunti da 3,2 milioni di utenti in più, gli studenti e il personale legato alle università aumenteranno del 30 per cento. «Il miglioramento dell’accessibilità ferroviaria - dice il presidente della Camera di commercio Cesare Sangalli - collocherà Milano al centro dell’Europa».
Nei programmi di Ferrovie dello Stato i tempi si ridurranno ancora: «Dal 2009 - annuncia l’amministratore delegato Mauro Moretti - 3 ore da Milano Centrale a Roma Termini, 2 ore e 45 minuti a Roma Tiburtina». Il taglio ulteriore dipenderà dall’apertura del pezzo di linea più difficile: la Bologna-Firenze, un’opera di ingegneria enorme (90 chilometri di cui 72 chilometri di galleria, gli altri di viadotto).
Intanto è già boom di vendite dei biglietti on line: 32.400 in un giorno il record raggiunto il 1° dicembre, la media è di 30mila biglietti al giorno, 40 per cento in più rispetto al 2007; la Roma-Milano la più gettonata, ma anche la Bologna-Milano.
Anche perché per un mese dall’avvio c’è uno sconto del 10% a tutti; e per sei mesi del 35 per cento per andata e ritorno in giornata per le tratte lunghe. I prezzi: Milano-Napoli in prima classe costerà 119 euro rispetto ai 103,60 euro di oggi, in seconda 84 euro (oggi 73,20); Milano-Roma 109 in prima (80,80 attuali); in seconda 79 euro (56,10 oggi). Milano-Bologna 59 euro in prima, 39 euro in seconda. Moretti ha annunciato la possibilità di abbonamenti per pendolari. Le Fs puntano nei prossimi 2 anni ad avere una quota di mercato del 60 per cento nei prossimi due anni, sottraendo passeggeri alla nuova Alitalia e al traffico aereo in generale.
I pendolari però sono sul piede di guerra, lamentando peggioramenti del servizio di trasporto regionale.
E la Tav «accelera» anche il collegamento aereo. Lo «scheduling sarà migliorato con 10 voli prima delle 9 del mattino e nove per il ritorno dopo le 19, con trecento frequenze settimanali» annuncia l’amministratore delegato della Cai, Rocco Sabelli: «Noi voliamo in 50 minuti e probabilmente possiamo accorciare i tempi di in e out», ha detto rispondendo a Moretti.