Parte con un uovo all’occhio di bue l’avventura del Manna

Che piacevole sorpresa a Milano: in piazzale del Governo Provvisorio, tra via Padova e viale Monza, un locale moldavo ha lasciato spazio a un posto di simpatica creatività italiana: il Manna, telefono 02. 26809153. Chiuso per turno la domenica, sta per riaprire dopo le ferie.
In cucina Matteo Fronduti, ex Caffè Armani ed ex Oldani, cuoco solido e ironico, concreto e attento al prezzo. Formaggi a parte, 4 antipasti, 4 primi, 4 secondi (per pesce c’è il baccalà) e 4 dolci, totale 16 proposte che a leggerle mettono di buon umore: Danza del ventre (timballo di cous cous), Vento d’estate (panzanella), Hielo (=gazpacho), Il mare dimenticato (un ottimo risotto con patate, cozze e zafferano), Riassunto di gallina (coscia, ala e terrina di fegato), Porco pinne gialle (maiale tonnato), Bagninooo! (baccalà affogato), Strawberry fields (fragole, latte cotto e pesto dolce) e Vai via dottore (Tarte Tatin).
Ho gradito molto un antipasto insolito. Si chiama Cuore di bue – Occhio di bue – Cuore di bue. È bovino il cuore, è all’occhio di bue l’uovo fritto ed è un cuore di bue il pomodoro su cui viene appoggiato l’uovo. Simpatico e, soprattutto, buono. I prezzi: antipasti 8 euro, quindi 11, 16 e 7. No coperto e no servizio. Alcuni piatti sono proposti anche a mezza porzione (e quasi a metà prezzo: la metà più un euro).