Parte da Varese il primo treno di Trenord E già si pensa all’Alta velocità regionale

Il primo treno con la livrea Trenord, la società costituita da Trenitalia e Le Nord per gestire il trasporto ferroviario lombardo, ha debuttato sulla tratta Varese-Milano Porta Garibaldi. A bordo l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo. Ad attenderlo all’arrivo era presente l’amministratore delegato della società Giuseppe Biesuz. Al termine del viaggio l’assessore ha annunciato l’impegno per i prossimi mesi sulla sperimentazione di treni veloci anche per i pendolari fuori dagli orari di punta: «Sarebbe una risposta significativa - commenta in una nota - per chi viene dai capoluoghi di provincia. Uno degli obiettivi affidati a Trenord è di provare a sperimentare celermente un servizio che offra caratteristiche di maggior comfort e rapidità. Un servizio che verrà effettuato senza disturbare i treni su cui viaggiano ogni giorno migliaia di pendolari».
L’intenzione è quella di sperimentare un collegamento rapido (mezz’ora di viaggio) tra i principali capoluoghi di provincia e la città di Milano, destinato a chi si sposta ogni giorno per necessità di studio o lavoro. Il modello? Una sorta di Alta velocità su scala regionale. «Sarà uno degli obiettivi che Trenord vuole raggiungere entro l’anno prossimo - ha precisato Cattaneo - e su cui sta già lavorando».
Secondo Cattaneo un servizio di questo tipo «sarebbe una risposta formidabile alle esigenze di mobilità per una fascia di utenza che può arrivare in un ufficio anche alle 9.30 e che sarebbe disposta a pagare un prezzo più alto del biglietto in cambio di un collegamento rapido e confortevole». «Sarebbe anche la dimostrazione - ha aggiunto l’assessore al Pirellone - che senza sventrare la Lombardia per realizzare linee nuove, muoversi in mezz’ora in un raggio di 50 chilometri è possibile anche oggi». Partito da Varese con il primo treno firmato Trenord, il titolare dei Trasporti in Lombardia ha raggiunto la stazione di Milano Garibaldi. «Da oggi - ha garantito Cattaneo - viaggerò più frequentemente sui treni proprio per vedere se la scommessa di migliorare, con Trenord, la qualità del sistema ferroviario lombardo la stiamo vincendo oppure no».