Parte Vivalto, un treno da vip per i pendolari

Formigoni: «Investiti 540 milioni. Ci sarà un aumento del 15 per cento di vagoni»

(...) Posti più comodi, carrozze videosorvegliate, tavolinetto e presa elettrica, doppio impianto di aria condizionata, monitor a cristalli liquidi per le informazioni, un sistema di videosorveglianza, aree multifunzionali per il trasporto di biciclette o bagagli ingombranti e spazio per famiglie. «Solo a vederlo viene voglia di viaggiare - le parole di Catania -. Emblematico che questa prima consegna avvenga proprio in Lombardia, la regione che è in cima alle nostre priorità. L’arrivo di Vivalto testimonia il rispetto di quanto stabilito dal protocollo di intesa per il miglioramento del servizio ferroviario in Lombardia siglato dalla Regione e da Fs il 29 novembre scorso. Ci stiamo muovendo su due fronti. Le infrastrutture, con cantieri aperti per 5,4 miliardi di euro di cui 3 per l’alta velocità, raddoppi di linee e ammodernamento tecnologico. Poi lavoriamo sulle carrozze. Ci siamo impegnati con la Regione a consegnare 80 nuovi locomotori entro il 2006. Cinquantaquattro sono già in funzione, gli altri arriveranno entro la metà dell’anno prossimo. Vogliamo essere più attenti che nel passato a rispettare impegni e scadenze». Parole che sono musica per il governatore che ha siglato il patto con cui è stato cofinanziato l’acquisto di 37 nuove locomotive e 30 carrozze a doppio piano (Vivalto). Quindici nuove locomotive sono già entrate in servizio, altre verranno inserite entro il 2006, mentre altri 42 nuovi treni acquistati dalla Regione arriveranno entro il 2007. «Nel 2001 - sottolinea Formigoni - abbiamo ereditato il parco rotabile più anziano di tutte le regioni. Fatto che pesava ingiustamente sui pendolari lombardi. Da quel momento ci siamo messi a correre con un poderoso piano di investimenti: 540 milioni di euro per nuovo materiale rotabile. Più di tutte le altre regioni messe assieme. E già quest’anno possiamo garantire un aumento delle carrozze del 15 per cento». Il treno a due piani costruito con materiali riciclabili ed ecocompatibili, raggiunge i 160 km/h e nella composizione a 5 carrozze trasporta oltre 800 passeggeri. «Sanità, infrastrutture e trasporti - conclude Moneta - sono le priorità di questa giunta Formigoni. Vogliamo avere una diversa attenzione nei confronti del cittadino. E questi nuovi treni ne sono la migliore testimonianza». Entro luglio sulle linee per Mantova e Cremona arriveranno altri quattro fratellini «Vivalto».