Partenza col turbo dell’Europa Non basta Tiger agli Stati Uniti

Maria Pia Gennaro

da Dublino

Ore 7.45. Tee della 1 del Palmer Course del K Club a Dublino. Il silenzio è assoluto, molti spettatori da tempo hanno già occupato le tribune, gli altri si allineano lungo il fairway in silenzio. Tutto è ovattato, surreale. Negli ultimi minuti prima del via della 36ª Ryder Cup l'elettricità aumenta, la tensione diventa palpabile. Improvvisamente, cinque minuti prima dell'inizio, fra due ali di folla si fa largo il capitano americano Tom Lehman che sale sul tee e gli americani gli tributano una standing ovation. Ma l'esplosione e il tifo (protagonista principale della sfida dopo i giocatori) si ha quando arrivano i due migliori giocatori al mondo, Tiger e Furyk, opposti nel primo incontro al leader europeo Montgomerie e ad Harrington. Ed è allora che l'elettricità esplode in un boato con urla, fischi e applausi che nulla, assolutamente nulla, ha da invidiare ad uno stadio calcistico. Nell'arena di 45mila persone, gli europei hanno affrontato la quattro palle della mattina con la determinazione e la convinzione che ne ha fatto la squadra che ha conquistato le ultime due edizioni. Come successe anche nella scorsa edizione i trascinatori della squadra sono stati Montgomerie e Garcia, anche se lo scozzese in mattinata è stato sconfitto. Lo spagnolo invece, si è trovato perfettamente a suo agio sia con Olazabal in mattinata che con l'amico Donald nel foursome del pomeriggio. Due punti su due per lui e una grinta da rimarcare. Buone anche le prestazioni di Howell, Stenson e McGinley (anche se non ha potuto fare molto con un Harrington fuori registro). Il secondo punto della giornata è arrivato con la «storica» accoppiata Westwood-Clarke.
Una vittoria voluta soprattutto dal pubblico che ha accompagnato con applausi le 18 buche dell'irlandese in un affettuoso abbraccio a dimostrazione dell'affetto per Clarke che, poco più di un mese fa, ha perso la moglie per un male incurabile. Qualche ombra sulla prestazione di Tiger, leader americano, partito contratto e trascinato al successo mattutino da Furyk; per i due più forti giocatori al mondo nulla da fare contro il duo Garcia-Donald nel pomeriggio.
L'Europa conduce dopo la prima giornata con due colpi di vantaggio. Oggi Sky Sport Extra trasmetterà gli incontri in diretta a partire dalle 9 sino al termine del gioco previsto intorno alle 19.30.