Partita russa a Campione: è un caraibico più generoso

La ricorrenza (13 gennaio scorso) del Capodanno ortodosso ha coinciso con l'introduzione del poker russo ai tavoli del Casinò Campione d'Italia. Per prima nell'Europa occidentale, la casa da gioco italiana, con il poker russo, conferma il ruolo di battistrada che ne caratterizza le proposte con una novità che risulterà particolarmente appetibile. Il poker russo, simile al caraibico, consente un margine di manovra ampio ai giocatori che possono cambiare cinque carte al solo costo di un ante e possono comprare la sesta e addirittura il banco.