Partito ieri il conto alla rovescia

Il ministero dell’Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, ha inviato formalmente al presidente di Alitalia la lettera con l’autorizzazione a procedere alla trattativa in esclusiva con Air France per la privatizzazione della compagnia italiana. Il parere favorevole del ministro, di cui il governo aveva preso atto, era stato già espresso il 28 dicembre e reso noto con un comunicato. La lettera è dunque la semplice ufficializzazione di una decisione politica già ormai acquisita. Ora saranno le due società - che peraltro hanno già avviato vari tavoli di lavoro - a dover procedere. Nei giorni scorsi, durante la sua visita romana, il presidente della compagnia francese, Jean Cyril Spinetta, aveva detto che la lettera era attesa «alla fine di questa settimana o al massimo all’inizio della prossima». Da ieri dunque, a rigore, decorrono le otto settimane indicate per questa fase della trattativa che porterà all’offerta vincolante di Air France a ridosso della metà di marzo. Ieri frattanto tutte le nove sigle sindacali presenti in Alitalia sono state convocate a palazzo Chigi per il 15 gennaio, per un confronto sulla compagnia aerea e, più complessivamente, sul sistema del trasporto aereo in Italia. Assieme ai leader di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, parteciperanno i rappresentanti di Sdl, Anpac, Anpav, Avia e Unione piloti. Non sarà comunque una riunione unitaria: i leader di Cgil, Cisl e Uil sono stati convocati dal governo, su richiesta formulata dagli stessi segretari generali, per le ore 18. Per tutte le altre sigle la convocazione è invece fissata per le 19.