«Il partito unico del centrodestra è realtà»

Era l'ultimo tassello del mosaico e Berlusconi lo ha messo a posto ieri: l'adesione dell'Udc di Marco Follini al progetto del partito unitario. O meglio: la partecipazione dei centristi alla Costituente che il 29 luglio farà compiere al «sogno di libertà» del premier, il primo passo verso la sua realizzazione. Il sì dell'Udc, tutt'altro che scontato, giunge dopo un lungo lavoro delle diplomazie di partito. «E non c'è problema di leadership» assicura Berlusconi, informando che saranno le primarie a scegliere il leader della Casa comune del centrodestra.