Pasionaria Il diktat di Di Pietro spacca l’Idv

«Peggio di Berlusconi», «Un padre padrone», «Ci ha preso in giro». È la base ligure dell’Italia dei Valori che parla accanita contro il suo leader dopo la decisione di catapultare in Liguria con un posto nel listino per le prossime regionali, una persona che di ligure non ha nemmeno un avo. Si chiama Maruska Piredda ed è di Rovigo. È diventata famosa come «pasionaria» dell’Alitalia quando, nell’operazione Alitalia esultò mentre stava fallendo l’operazione Cai. Foulard al collo, in divisa da lavoro fece il giro del mondo la sua immagine con le braccia alzate al cielo e Di Pietro fu lesto a chiamarla nel partito.
Oggi, dopo un tentativo fallito alle europee, la candida in Liguria piazzandola nel listino di Claudio Burlando per la sorpresa di tutti dal coordinatore Giovanni Paladini in giù. Menomale che fino a qualche giorno fa i dirigenti di Pd e Idv dicevano che, a differenza del centrodestra, i giochi per liste e listini si decidevano sul territorio e non a Roma. Infatti, a Roma Pierluigi Bersani e l’ex magistrato di Mani Pulite hanno deciso: alla faccia delle indicazioni liguri. «Ho ricevuto messaggi di persone deluse - spiega Nicolò Scialfa, consigliere comunale a Genova e candidato(...)