A Pasquetta si corre per la Terra

Lunedì mattina a Roma scatta la "Corsa per la Terra", organizzata da Earth Day Italia. Si tratta di 4 mini-maratone alle quali potranno partecipare sia corridori professionisti che famiglie

La «Giornata della Terra» è una sorta di compleanno del nostro pianeta, la ricorrenza in cui si celebra - in 192 paesi - la salvaguardia e la salute del nostro spazio comune. Le Nazioni Unite celebrano questa festa ogni anno, un mese e due giorni dopo l'equinozio di primavera, il 22 aprile. Una sorta di «memento mondiale», un invito a non dare la nostra «casa» troppo per scontata. «Nonostante gli innumerevoli meeting e i meticolosi trattati internazionali, oggi le Nazioni Unite ci informano che ogni anno aumentiamo di un miliardo di tonnellate l'emissione di gas serra - spiega il presidente di Earth Day Italia, Pierluigi Sassi -. L'ultimo rapporto IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) è allarmante e ci lascia ormai pochi anni di tempo per intervenire un trend che sembra davvero fuori controllo. Basterebbe rinunciare a una quota infinitesimale del Pil mondiale per salvare il nostro unico Pianeta, ma nessuno sembra in grado di farlo. Gli unici che possono invertire queste tendenza sono i cittadini».
Le celebrazioni per questa ricorrenza, dopo il concerto milanese di Arisa di mercoledì scorso, ora si spostano in direzione dell'ambiente, dello sport e dell'aria aperta. A Pasquetta a Roma andrà, infatti, in scena la «Corsa per la Terra». Si tratta di quattro mini-maratone alle quali potranno partecipare sia corridori professionisti che famiglie, bambini e animali. Un evento organizzato nella periferia della Capitale insieme a «Sport senza Frontiere», la Onlus che garantisce l'accesso allo sport ai bambini in condizioni economiche svantaggiate. Il parco in cui prenderà forma l'evento «Aspettando la Giornata della Terra... corriamo per Lei!» è la Riserva Naturale Valle dell'Aniene, dalle 9 e 30 del mattino. Una «scampagnata» nata con l'intento di unire sport, alimentazione e vita all'aria aperta, in un giorno che rappresenta anche il Natale di Roma.
Si comincia alle 9 con l'iscrizione e alle 10 con la partenza (percorsi di varia lunghezza a seconda della capacità atletica, anche se non c'è intenzione competitiva). Alle 11 ci sarà un flash mob etico con il lancio di palloncini biodegradabili contenenti semi che alimenteranno il terreno sul quale cadranno, e alle 11.30 una lezione di yoga. Per tutta la giornata il mercatino di Campagna Amica con i prodotti del Lazio a km zero, il caffè equo e solidale delle Botteghe di Altromercato, il nutrizionista della Salvator Mundi International Hospital per consigli e pareri.
«La scelta di un parco della periferia romana - spiega Pierluigi Sassi presidente di Earth Day Italia - è stata fortemente voluta assieme a Roma Capitale per portare all'attenzione di tutta la cittadinanza questa sensibilità. Un modo per sottolineare e accendere i riflettori sull'importanza delle nostre aree verdi e sull'emergenza di una loro protezione».