Passaggio generazionale e tutela del patrimonio

Il director Bazzani: «Strumento ideale sono i piani di accumulo e rendite»

B.I.G. Insurance Brokers è una società specializzata in assicurazioni per gli individui, le persone, allo scopo di protezione del patrimonio e passaggio generazionale e successorio. Andrea Bazzani, director della società, spiega il ruolo che gioca il suo team di esperti «nel cercare soluzioni assicurative per imprenditori, professionisti e dirigenti che li tenga protetti da rischi che mettano in pericolo direttamente o indirettamente il patrimonio (rischi di ruolo, Rc professionali, spese legali o rischi aziendali propri, inclusi cyber risks, fideiussioni) e che metta al sicuro il patrimonio stesso da aggressioni esterne».Passaggio generazionale e successorio: qual è il vostro campo di azione?«Sono le polizze vita. E in quest'ambito copriamo tutti i rami con un'offerta senza pari: polizze vita a puro rischio senza limiti di massimale, miste, tutti i tipi di rendite, polizze finanziarie e multiramo, gestioni separate e polizze di capitalizzazione, provvediamo a ogni richiesta con un network di compagnie globali».Qual è la situazione in Italia sul fronte di regole e costi?«Vediamo un grande fermento. I cittadini si chiedono se le imposte di successione, molto basse in Italia rispetto ad altri Paesi europei, verranno riviste e se una pianificazione previdenziale potrà mitigare l'eventuale impatto fiscale. Difficile prevedere le decisioni del legislatore, ma sappiamo che negli ultimi anni si è erosa la capacità di risparmio delle famiglie (anche della classe media) e che il sistema pensionistico, dopo le varie riforme, non sarà più in grado di garantire da solo un reddito decoroso stabile agli attuali lavoratori. Dunque, si dovrà prevedere un sistema di trasmissione della ricchezza e del reddito, e le soluzioni previdenziali private già utilizzate il futuro».Quali le vie da intraprendere?Piani di accumulo e rendite sono lo strumento ideale: prodotti fiscalmente vantaggiosi, permettono di fare un accordo con un istituto privato (la compagnia di assicurazione) per poter decidere con un certo grado di certezza, già alla stipula, quanto sarà il reddito che potrò percepire da subito o tra qualche anno, cioè che potrò trasmettere alle persone care. Il tutto potendo contare su rendimenti certi minimi e capitale protetto».Imprese e privati che approccio hanno con questo mondo?«Anche sul fronte delle polizze a puro rischio (le cosiddette temporanee caso morte) c'è un gap culturale da colmare. Imprenditori e professionisti dovrebbero abituarsi a coprire il rischio della propria vita seriamente, valutando anche il costo economico che la propria prematura scomparsa può comportare per la propria famiglia e la propria azienda o datore di lavoro».Come orientarsi con sicurezza in questo macro mondo?«I prodotti assicurativi sembrano complicati, ma basta avere una guida seria e imparziale per poter avere le risposte giuste. Il controllo dei costi è diventato anche un fattore fondamentale in un momento in cui i rendimenti sono bassi. Il mercato assicurativo ha ancora molta strada da fare verso la trasparenza, per questo il confronto tra diverse offerte e l'esperienza nella verifica delle condizioni applicate rendono il compito di un consulente imparziale, come un broker, un elemento di sicurezza in più. La nostra società è in grado di offrire un servizio completo a chiunque voglia prendere in considerazione un nuovo piano previdenziale o voglia far valutare un investimento o una copertura già in essere».ESc