Da Passano, rubati i soldi della gita dei bimbi

Elementare «Da Passano» in balia dei vandali. Ancora una notte di paura alla primaria di via Bobbio. I soliti bulli di quartiere si sono divertiti a mettere sottosopra le classi del secondo piano e a rubare i soldi, i giochini e le attrezzature didattiche. Ormai succede sempre più spesso che nottetempo delinquenti in erba passino il loro tempo a rompere lucchetti, devastare armadi, impossessarsi di tutto ciò che interessa loro. E quest'anno, a ridosso proprio della gita scolastica di tutto il tempo pieno, hanno portato via i soldi per la scampagnata di fuori porta. L'anno scorso erano entrati ben tre volte. La più eclatante quella dell'ultimo giorno di scuola.
«Quello che ci fa più rabbia - dicono gli insegnanti - è che sono sicuramente ex alunni perché vanno a colpo sicuro. Ma soprattutto se la prendano con le cose dei più piccoli». C’è un altro aspetto che infastidisce. «Arrivano carabinieri e polizia - aggiungono gli insegnanti - e poi, dopo aver preso nota delle cose che ci sono sparite, non fanno niente. Nessuna indagine. I colpevoli rimangono sempre impuniti». Questa volta i vandali sono entrati dalla finestra di una classe che dà sul terrazzo. Sono saliti tranquillamente dalla scala antincendio che ha sempre il cancello aperto, hanno rotto un vetro e sono entrati indisturbati nella scuola. Niente allarme alle finestre, niente allarme all'interno delle aule. E gli insegnanti pagano di tasca loro. In una elementare di Albaro, dove da un armadietto sono spariti ben 600 euro, soldi di una gita pronti per essere versati, saranno le insegnanti a doverceli rimettere. Le scuole non sono assicurate, non si possono richiedere i soldi ai genitori, né stornare il denaro da qualche altra voce del fondo d'istituto.