Tra passato e futuro, il nuovo superlaboratorio Ericsson

L’Experience center sull’Anagnina è stato inaugurato ieri pomeriggio alla presenza del ministro Nicolais

C’è profumo di futuro nel nuovo centro multimediale per la sperimentazione tecnologica di Ericsson Italia sull’Anagnina. L’«Experience Center» è stato inaugurato ieri pomeriggio alla presenza del ministro per le Riforme e l’innovazione Luigi Nicolais. Profumi, perché da sempre la tecnologia dovrebbe aiutare a vivere meglio. Le portentose possibilità che la banda larga offrirà alla famiglia globalizzata sembrano infinite e piacevolmente inquietanti. Come ha spiegato Cesare Avenia, amministratore delegato di Ericsson Italia «questo centro rappresenta il passo decisivo nell’introduzione domestica delle banda larga che renderà unico, veloce e assai definito il multimediale domestico. Ma servirà anche ad avviare l’auspicata riforma dell’amministrazione pubblica che punta in particolare a sostituire il cartaceo». Un concetto ribadito dal ministro per il quale «stiano vivendo un momento delicato proprio perché di transizione. «Io stesso - ha concluso - ho presentato un disegno di legge che dà inizio al meccanismo di ridisegno delle procedure della pubblica amministrazione».
Il luccicante centro, che presenta un’interessante sezione sull’evoluzione degli apparecchi telefonici, è diviso in tre sezioni (nella prima si potranno sperimentare la ricerca superveloce in Internet e gli utili collegamenti con la situazione della viabilità), tutte visitabili dal pubblico.
Ericsson ha consolidato nel 2005 il ruolo di leadership nel settore delle telecomunicazioni italiane, ribadendo l’impulso dato allo sviluppo di sistemi di comunicazione in ogni settore. In Italia, oltre ad essere fornitore di riferimento per i principali operatori di telecomunicazioni, come Telecom, Tim, Wind e 3, offre servizi anche a Vodafone, Albacom e Tiscali.