Passeggia col marito, scippatore la butta a terra

Lei, 68 anni, genovese, era tranquillamente a passeggio col marito in Salita San Matteo, poco dopo le otto di sera. C’era ancora gente intorno, anche se i negozi erano già tutti chiusi. Ma nulla lasciava presagire quello che sarebbe successo di lì a poco: un uomo, giovane d’aspetto, si è materializzato all’improvviso alle spalle della coppia, ha strattonato la donna facendola cadere rovinosamente a terra, le ha strappato la borsetta ed è fuggito scomparendo nell’intrico dei vicoli della zona, in pieno centro storico genovese.
La vittima dello scippo, spaventata e ancora incredula di quanto le era appena accaduto, ha cercato di rialzarsi aiutata dal marito e da alcuni passanti, poi è stata trasportata all’ospedale San Martino dove le hanno riscontrato alcune ferite guaribili in una settimana.
Nel frattempo sono intervenuti gli agenti di una volante della Questura che hanno effettuato i primi rilievi del caso e un sopralluogo, senza peraltro individuare il malvivente, anche perché l’azione criminosa si è svolta con una rapidità tale da non consentire di «registrare» i tratti somatici precisi dello scippatore.
Sempre in tema di «città insicura», nella notte precedente, intorno alle 2 e mezza, in via Gramsci, un ragazzo italiano di 23 anni residente a Genova è stato soccorso dall’equipaggio di una volante. Il giovane ha raccontato agli agenti di essere stato avvicinato con un pretesto da due sudamericani, in apparenza suoi coetanei, che subito dopo gli hanno sottratto il portafoglio, minacciandolo - sempre secondo la versione della vittima - con un «oggetto appuntito», molto probabilmente un coltello a serramanico.
Ininfluente, anche in questo caso, il sopralluogo dei poliziotti nelle vicinanze, alla ricerca dei malviventi.
Nelle ultime ore, si deve purtroppo registrare anche l’ennesimo furto in un’abitazione: è accaduto questa volta in via Venezia, dove ladri rimasti ignoti hanno forzato la finestra di un appartamento, si sono introdotti in camera da letto e hanno rubato denaro e oggetti d’oro, per un valore ingente, ma ancora da quantificare con precisione.