Passera: "In una cordata per Telecom nulla di male se c'è anche Fininvest"

L'ad di Intesa Sanpaolo: "Se dovessero esserci cordate con
investitori istituzionali e o imprenditori italiani perché non anche una quota alla Fininvest
in un'ottica finanziaria?". Il banchiere disponibile anche a un progetto per il rilancio di Alitalia: "Azienda che versa in una crisi gravissima"

Milano - Per l'amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, non ci sarebbe nessun problema se Fininvest entrasse nell'azionariato Telecom con un ruolo non dominante. "Se dovesse esserci un raggrupamento di aziende italiane industriali o investitori istituzionali, perché non anche una quota alla Fininvest? In un'ottica finanziaria e con un azionariato stabile non ci vedrei nulla di male", ha detto Passera durante la registrazione di una puntata della trasmissione televisiva della Rai, Economix. "Se fosse in un ruolo dominante interverrebbe la legge; ma in un gruppo di azionisti che abbia come unico obiettivo lo sviluppo della Telecom con un management autonomo, perchè no?", ha aggiunto.

Secondo Passera la soluzione per l'azienda delle tlc sarà imminente perché "Telecom è un'azienda importante ed ha necessità di decisioni veloci. Una soluzione veloce sarebbe più opportuna di una lenta. Ad oggi la soluzione non è arrivata", ha però concluso. Intesa, così come Mediobanca, hanno nei giorni scorsi più volte dichiarato di essere al lavoro per una soluzione alla proprietà di telecom. Le due banche starebbero lavorando assieme per trovare una soluzione. Passera non ha smentito: "Con Mediobanca ci sentiamo tutti i giorni, 365 giorni all'anno su tutto. Su questa vicenda tutti e due abbiamo detto di essere disponibili a trovare una soluzione", si è limitato a dire l'amministratore delegato. I cronisti lo hanno dunque incalzato chiedendo se la soluzione alla quale entrambe stanno lavorando sia anche un'unica soluzione: "Non poniamo vincoli alla provvidenza", ha risposto Passera.

Alitalia: "Crisi gravissima" "Alitalia è un'azienda in gravissima crisi, che a differenza di Telecom va male ed è stata messa in vendita". Passera ha sottolineato che si sia arrivati a questo punto per "un brutto guaio di gestione aziendale conseguenza di errori dell'azionista, del management, dei sindacati". Secondo il banchiere arrivati questo punto "bisogna provare a rilanciare Alitalia, è un progetto difficile ma credo ci siano tutti i numeri per farlo: noi siamo a disposizione".

"Giudizio estremo quello di Bertinotti sul capitalismo" L'affermazione del presidente della Camera Fausto Bertinotti sulla "impresentabilità" del capitalismo italiano per la mancanza di imprenditori disponibili ad intervenire in Telecom "è un giudizio estremo". "Abbiamo i nostri problemi, ci sono imprenditori medio-grandi e scarsa presenza di imprese di grandissime dimensioni ma parlare di impresentabilità solo perché per Telecom non se ne trovano è sbagliato".