Il «Passerotto» visto da Catherine Spaak

Marta Cerruti

Una donna che racconta un’altra donna. Un artista che racconta un altro artista. Catherine Spaak che racconta Edith Piaf. È quello che accadrà questa sera a Rapallo nell’ambito del Festival Internazionale di Valle Christi.
Dopo Alessandro Preziosi, Ugo Pagliai, Monica Guerritore e Ugo Dighero, un’altra celebre attrice porta la sua arte al Festival Internazionale di Valle Christi, giunto quest’anno alla sua quarta edizione. Questa sera andrà, infatti, in scena lo spettacolo di Catherine Spaak intitolato «Storie Parallele». L’attrice francese, questa volta impegnata anche nel ruolo di regista, ha creato un reading teatrale, con il quale narra i percorsi di vita paralleli di alcuni fra gli artisti francesi, che maggiormente hanno influenzato la sua adolescenza e la sua carriera d’attrice. Un tributo a Cocteau, cui deve «la scoperta della musica classica», a Coco Chanel, da cui imparò «la scienza dell’intelligenza femminile», ma soprattutto un tributo a Edith Piaf, al Passerotto.
«A Edith Piaf devo la creazione del mio immaginario sentimentale: le sue canzoni mi aprirono gli occhi sul mistero delle attrazioni fatali, la passione, le inquietudini sentimentali», con queste parole Catherine Spaak motiva il suo desiderio di render omaggio ad una cantante leggendaria, che tra gli anni ’30 e ’60 incantò il pubblico con la sua voce. Non bella ma dotata di un fascino immenso, donna fragile e minuta ma artista dotata di grande personalità, Edith Piaf diede voce, con le sue canzoni, a sentimenti e sofferenze, a passioni ed inquietudini legati all’amore ed alla solitudine. Donna amata ma spesso abbandonata dai suoi amanti, cui tutto donò per avere poco in cambio, il «Passerotto» trovò nella sua vita tormentata un’inesauribile fonte d’ispirazione per la sua arte e una insostituibile fonte di consolazione per se stessa.
A questa stella intramontabilie, Catherine Spaak ha voluto dedicare uno spettacolo composito, fatto di brani cantati, monologhi, letture e filmati. Un percorso di voci narranti, immagini e suoni in un allestimento scenico scarno ma ricco di simbologie suggestive. Oltre a Catherine Spaak nel doppio ruolo di attrice-regista, sono protagonisti dello spettacolo le musiche e i giochi di luce di Matteo Cremolini e Maurizio Fabretti. Lo spattacolo, che avrà inizio alle ore 21.30, si terrà nel complesso Monumentale di Valle Christi, a Rapallo.