«Una passione iniziata sognando Jackie Kennedy»

La sua prima Barbie fu quella pettinata con il caschetto nero alla Jackie Kennedy. Aveva un vestito rosso e apparteneva a quei pochi pezzi che arrivarono in Italia. Tuttora infatti è una delle Barbie più ricercate al mondo. A portargliela in regalo era stato nel 1966 il padre dopo un viaggio negli Stati Uniti. Daniela Ferrando aveva solo quattro anni.
Da quel giorno non ha mai smesso di collezionare la famosa bambola americana e oggi è una delle donne milanesi più attive su eBay. Compra e scambia Barbie in tutto il mondo.
«Non so quante ne ho - racconta -, le vedo, mi piacciono e le compro. Ci sono collezionisti che pagano migliaia di dollari per avere un pezzo antico o semplicemente prodotto in edizione limitata. E ci sono artisti che prendono le Barbie, le cambiano i capelli, le dipingono, le vestono con abiti fatti a mano e in pratica le rendono esemplari unici». La sua è una ricerca senza sosta. «Di notte - spiega - si trovano cose straordinarie, basta avere la pazienza di cercare e bisogna conoscere bene il mondo che si sta esplorando, le espressioni usate, le parole chiave e persino le storpiature più frequenti dei nomi delle bambole e delle loro caratteristiche».
Sebbene sia uno dei siti di ecommerce più facili da usare, è necessario avere una conoscenza approfondita dei meccanismi entro cui si muovono i vari utenti.
Per evitare che un ebuyer acquisti un oggetto non conforme alla descrizione o che, semplicemente, il prodotto per cui si è già pagato venga effettivamente spedito, si può controllare l’affidabilità del venditore attraverso i suoi punteggi di feedback.
In sostanza il meccanismo di «autocontrollo» attraverso il quale una serie di commenti lasciati da precedenti acquirenti garantiscono sull’onestà dell’inserzionista. \