Le passioni musicali di Carlo Verdone

Una «confessione» pubblica e un mini-concerto per l’attore con l’hobby del rock

Alessandra Miccinesi

Motore, azione: ciak, si suona. Una rullata alla batteria, i brividi che corrono a fior di pelle, gli applausi, le luci, e un’intervista senza rete coordinata dal critico Fabrizio Zampa per chiarire il perché di una passione (quella per la musica, in particolare per le percussioni) impossibile da dire in una sola battuta.
Potesse parlare, il suo muscolo cardiaco lo direbbe forte e chiaro che, se non fosse per l’ansia genetica che lo divora, lui per davvero vorrebbe battere in quattro quarti. Carlo Verdone si racconta musicista. Succederà questa sera, sul palcoscenico di Cineporto, dove protagonista assoluto di una serata dedicata alla contaminazione tra cinema e pentagramma - nei suoi film la colonna sonora ha sempre avuto un ruolo da protagonista aggiunto - sarà proprio Verdone, uno degli interpreti e dei registi più amati dal pubblico.
Impegnato in una soirée divisa equamente tra musica, celluloide, sorprese, chiacchiere, e ospiti, l’attore impegnato sul set romano del nuovo film di Giovanni Veronesi, Manuale d'Amore 2 - quattro episodi nuovi di zecca stavolta ispirati all’amore estremo, e interpretati da Monica Bellucci, Sergio Rubini, Antonio Albanese, Dario Bandiera, Barbora Bobulova, Fabio Volo, e lo stesso Verdone che farà coppia con un’attrice spagnola il cui nome è ancora top-secret - si presenterà di fronte al pubblico dell’arena nei pressi del Foro Italico in una doppia veste. Quella di autore cinematografico e musicista per hobby. In platea, oltre al pubblico ingolosito dall’opportunità di assistere gratuitamente al concerto della soul band T.C. Gang, impegnata sul palco con un batterista d’eccezione, ci saranno gli amici cinematografari del regista. Tra tanti volti noti dovrebbe spuntare anche il pizzetto del sodale «miglior nemico» di Verdone, Silvio Muccino ormai lanciatissimo sul grande schermo e negli spot commerciali in tivù.
Una performance alla batteria insieme con il gruppo incluso nella colonna sonora del suo ultimo film campione al box office nella stagione 2005-06, Il mio miglior nemico - pellicola che sarà proiettata nell’ambito della serata, nello spazio cinema -, e una chiacchierata informale per spiegare al pubblico curiosità, svelare aneddoti, e chiarire scelte musicali che hanno contribuito al successo di moltissime sue pellicole: dalla batteria di Un sacco bello al tendone di Lucio Dalla di Borotalco, passando per la chitarra infuocata di Jimi Hendrix in Maledetto il giorno che ti ho incontrato, le tastiere elettroniche di Sono pazzo di Iris Blond, il concerto di Joe Cocker in L’amore è eterno finché dura. E ancora gli Stadio in Acqua e sapone, e l’amico giallorosso Antonello Venditti in Troppo forte. Insomma, sarà la serata giusta per accordare i ritmi del cuore alla tensione dei tamburi.
Lo spettacolo inizierà alle 21.30. Per informazioni si può cliccare sul sito www.cipenorto.com.