Passo indietro di Fabi e Fiba Riforma più vicina

Si spiana la strada per la riforma dello statuto di Bipiemme chiesta da Bankitalia. «Alleanza per la Cooperativa», la lista espressa da Fabi e Fiba che in passato erano apparse critiche verso il presidente Roberto Mazzotta, non parteciperà all’assemblea straordinaria del 13 dicembre. Fabi-Fiba resta critica sulla riforma ritenendola «penalizzante» per una banca che «in virtù del suo modello partecipativo, si è sempre dimostrata sana, stabile, profittevole». La scelta di non prendere parte all’assemblea, piuttosto che parteciparvi «esprimendo magari voto contrario alle riforma dello statuto», nasce dalla volontà di tenere Bpm «al riparo dalle conseguenze di una contrapposizione assembleare» che sarebbero potute arrivare fino alle estreme conseguenze del commissariamento.