La pasta del senatore ai sapori dell’orto

La politica? Nei mercati romani, demagoghi e qualunquisti di ogni tipo hanno sempre sentenziato che «è tutto un magna magna».
La notizia è che ora deputati e senatori si stanno dando da fare per dare ragione alla sentenza popolare, dedicando la loro fantasia legislativa ad elaborare le ricette migliori per un menù degno di tal nome: dall’antipasto alla frutta. Come entrata sono d’obbligo gli insaccati, dal culatello ai suoi cugini prosciutti, sulla cui Iva c’è stata negli anni scorsi una lunga battaglia di emendamenti alla Finanziaria sostenuta soprattutto dai parlamentari-gourmet del Carroccio. Fino alla new entry ventricina.
Ventri che? Trattasi di «salame abruzzese condito con peperoncino essicato al sole e rosmarino» alla cui tutela ufficiale, con tanto di stellone repubblicano al posto dei piombini per chiuderlo, si dedica in un progetto di legge il deputato diessino Arnaldo Mariotti, eletto nel collegio di Vasto. (...)
SEGUE A PAGINA 48