Pasternak, il corpo a corpo con l'amore

S embra un paradosso, ma Il dottor Zivago è l'opera più brutta di Boris Pasternak. La pensava così anche Angelo Maria Ripellino, autore di un corpo a corpo straordinario con il corpus poetico di Pasternak, tra i poeti titanici e assoluti del '900. A colmare in parte una devastante lacuna editoriale manca un tomo che raduni tutte le liriche di Pasternak provvede Marilena Rea in questo delizioso florilegio di poesie d'amore: «Quando ama un poeta/ è un dio disadatto che s'innamora./ E il caos torna a strisciare nel mondo/ come ai tempi della genesi». Supremo.

Davide Brullo