Pastorello compra il Lugano. Per sé

Pastorello è vicino all'acquisto del Lugano, il Genoa no. La precisazione arriva dopo una serie di voci circolate nei giorni scorsi e culminate ieri in un comunicato stampa della società rossoblù. «In merito alle indiscrezioni riportate a mezzo stampa - si legge - riguardo a un diretto coinvolgimento del Genoa Cfc e della sua proprietà, all'acquisizione del pacchetto di controllo dell'Ac Lugano, la Società smentisce la veridicità di tale ipotesi. Si precisa viceversa che la trattativa per detta operazione è seguita a titolo personale dal vicepresidente Giambattista Pastorello, in rappresentanza di un gruppo di investitori italiani e svizzeri». Peraltro il dirigente rossoblù non aveva nascosto nemmeno dopo il suo insediamento a Villa Rostan questa ipotesi che potrebbe aprire in futuro scenari di collaborazione anche perché in Svizzera potrebbero essere parcheggiati giocatori extracomunitari che poi potrebbero arrivare al Genoa.
La squadra intanto ha proseguito la preparazione a Pegli e nella partitella del pomeriggio dieci contro dieci per l'assenza di Adailton ripartito per la Romagna per completare il ciclo di cure per la pubalgia tra i titolari si è visto Botta. Primi indizi del Genoa che scenderà in campo sabato con il Lecce alle ore 15, come confermato dalla Lega Calcio. La squadra giallorossa, come previsto, dovrà rinunciare a Zanchetta e Vives squalificati dal giudice sportivo. Oggi prove generali a Tortona nell'amichevole contro il Derthona (ore 15) mentre stasera alla Sala Chiamata del Porto (ore 20) festa per la Primavera di Torrente.