Patente e libretti /4

Patente a punti per intellettuali, Commissione disciplinare. Seguono deliberazioni. Si ricorda che il punteggio è subordinato a: 1) Gravità dell’asserzione fatta su giornali o libri; 2) Tempo trascorso dall’asserzione a oggi; 3) Boh. Imputato Dario Fo, Servire il popolo, 16 febbraio 1974: «Dobbiamo sparare contro la destra veramente fascista, la destra più sottile del “noi non facciamo politica” che è il teatro del solo Pirandello. Bisogna eliminarli perché il teatro vuole una nuova cultura». Patente privata di punti dieci. Imputato Bernardo Bertolucci, Il Giorno, 29 dicembre 1968: «Poesia più marxismo-leninismo più sodomia uguale paradiso anarchico. Questo era il tema del film che volevo girare due anni fa». Rifacimento della visita medica. Imputato Natalia Aspesi, Il giorno, 9 maggio 1971: «Alla maestra i bambini della quarta classe di Calenzano hanno chiesto e ottenuto: l’eliminazione dei voti “che ci mettevano in gara”, l’eliminazione del grembiule “che fa divisa fascista”, l’autorizzazione di darle del tu e chiamarla Rosanna “così la si sente amica e non padrona”, di metter i banchi a cerchio e togliere la cattedra “così si è una famiglia, una comunità”. Assolta per insufficienza di prove. Imputato Dacia Maraini, Paese Sera, 7 maggio 1969: «Gli intellettuali, guarda caso sempre di sinistra, sono gli unici, assieme ai politici guarda caso sempre di sinistra, che dicono la verità». Patente privata di punti dieci. La Commissione si aggiorna.