Patto tra i soci Igli per tutelare Tesir

Impregilo

Il nuovo patto fra i soci di Igli, la finanziaria che controlla il 29,8% in Impregilo, ha come oggetto solo la tutela dei consiglieri e in particolare di quelli designati direttamente o indirettamente da Tesir, la società della famiglia Rocca che è uscita la scorsa settimana dall'azionariato. È quanto emerge da un avviso pubblicato sui quotidiani. L'accordo parasociale che dal 26 febbraio scorso lega Argo Finanziaria (Gavio), Autostrade e Immobiliare Lombarda (Ligresti), soci di Igli con il 33,3% ciascuno, ha per oggetto l'intero capitale della società e tutta la partecipazione in Impregilo. Il patto prevede l'impegno delle parti «a non deliberare e a non far valere in qualsivoglia sede eventuali responsabilità dei consiglieri di Igli di designazione di Tesid».