Paul McCartney «ruba» i quadri dalla villa dell’ex

da Londra

Alla vigilia di Natale aveva giurato che alla ex non avrebbe lasciato neppure un penny. La separazione fra Paul McCartney e la seconda moglie, Heather Mills, non è stata priva di colpi di scena: litigi, accuse, minacce, tutte finite sulle prime pagine dei tabloid inglesi. L’ultimo capitolo (per ora) è il «furto» compiuto dall’ex Beatles: McCartney si sarebbe introdotto nella casa che prima divideva con l’ex modella 38enne mentre lei era assente, portandosi via alcuni quadri di valore, tra cui alcune opere di Pablo Picasso e August Renoir. Tutte tele preziose, per un valore complessivo di 15 milioni di euro. Secondo quanto riferisce il Sun, quando l’altro ieri la Mills è rientrata nella villa di Peasmarsh, nel Sussex, insieme a familiari e amici venuti a festeggiare con lei il Capodanno, si è accorta che l’ex marito aveva prelevato i quadri e tutte le foto che la ritraevano insieme alla figlia Beatrice. Non solo: non appena ha aperto la porta di casa, è scattato l’allarme, segno che qualcuno aveva cambiato il codice segreto. La Mills ha quindi avvertito la polizia, raccontando l’accaduto. Gli amici della donna sostengono infatti che, in base all’accordo di separazione, McCartney non dovrebbe avere accesso alla casa della ex moglie. A quanto pare, l’ex Beatles ha fatto sapere alla Mills tramite sms di essersi ripreso i quadri perché temeva che l’abitazione della ex non fosse abbastanza sicura per custodirli.