Paura a Manhattan, esplode una tubatura: un morto, 15 feriti

Una tubatura sotterranea che risale agli anni Venti è scoppiata ieri sera nel centro di Manhattan, a New York, facendo tremare gli edifici e provocando una fuoriuscita di vapore: l’incidente ha provocato scene di panico che ricordavano l’11 settembre, molti gli americani che hanno pensato a un attentato

New York - Una tubatura sotterranea che risale agli anni Venti è esplosa ieri sera nel centro di Manhattan ieri facendo tremare gli edifici e provocando una fuoriuscita di vapore, e l’incidente ha provocato scene di panico che ricordavano l’11 Settembre. Fonti a New York e Washington hanno subito escluso che si trattasse di un attacco terroristico. Una persona è morta d’infarto e altre 20 circa sono rimaste ferite, alcune in modo serio, ha detto il sindaco Michael Bloomberg in una conferenza stampa.

Acqua bollente e brunastra e vapore sono schizzati a un’altezza di 36 metri da un cratere di circa 6 metri tra Lexington Avenue e la 41esima Strada, una delle zone più trafficate di New York. La scena ha richiamato alla memoria gli edifici che crollavano in una nube di detriti e polvere per gli attacchi dell’11 Settembre 2001, quando il World Trade Center a Manhattan venne distrutto. "Siamo corsi giù per 43 piani pensando che saremmo morti", ha detto Megan Fletcher, 35 anni, che lavora per una società australiana nel Chrysler Building. "Era come quando gli edifici crollarono l’11/9".