Paura di perdere? I blog di sinistra consolano

Se nel cuore della notte temete una sconfitta elettorale, be’ c’è civatube che offre «conforti, democratici». Sì, avete letto bene: c’è chi davvero tranquillizza i supporter di Walter Veltroni che non «riescono a prendere sonno». E, attenzione, è sempre lo stesso che, ogni sette giorni, online legge le stelle e gli astri di Walter: «Il tuo mare interiore è in tempesta, dentro di te cadono piogge torrenziali, il vento infuria e i lampi squarciano il cielo...».
No, please, non ridete. Non è un’esagerazione. Basta cliccare su www.civati.splinder.com e, oplà, si apre un mondo che ogni sessanta minuti o giù di lì racconta i (r)umori veltroniani e non solo. Chi dobbiamo ringraziare? Giuseppe Civati, consigliere regionale del Pd, che nel suo blog trasmette emozioni raccolte girando in lungo e in largo tra le case del popolo briantee (e romane) e al Pirellone.
Esempio quasi unico, il blog di Civati. Gli altri della sinistra in salsa lombarda utilizzano i propri blog per elencarci sconfitte nelle liaison amoureux o, elettoralmente, per travestirsi da moderato. Lui, Civati, no e picchia duro anche su chi, senza troppa convinzione, sfrutta politicamente la rete perché fa tanto trend setter.
Eccezione tra i blog dei consiglieri regionali della sinistra anche www.marcellosaponaro.it/blog/ del verde Marcello Saponaro: utile contributo a chi ancora non ha compreso perché la sinistra non riesce a vincere nel Nord. Motivi messi nero su bianco, con analisi e numeri da chi, bontà sua, ammette che la passione politica è diventata «anche il mio lavoro dal maggio 2005 quando sono stato eletto nel consiglio regionale lombardo».
E nei blog dei consiglieri regionali di centrodestra? Aria pulita e occasioni quotidiane di confronto tra elettori ed eletti, magari con live in sottofondo Roberto Formigoni (www.radioformigoni.it) che, ogni giorno, trasmette online 24 ore su 24. Tra gli appuntamenti da non perdere nel palinsesto della web radio: «Rf magazine» e «mattina.it».
Radio linkata sicuramente nel futuro sito dell’assessore alle Infrastrutture Raffaele Cattaneo, - quarantunesimo bloggista su ottanta -, mentre è diventato un vero e proprio cult la lettura di «www.dipopolo.it» ovvero il «foglio di politica e società» firmato da Giulio Boscagli. Tranquilli, quella di Boscagli, non è un’iniziativa elettorale ma uno spazio aggiornato ogni mattina per raccontare - con rassegna stampa - quel che accade e, soprattutto, giudicare i fatti.