Paura sui treni o in casa di amici

È ancora allarme stupri a Milano. Quattro violenze in meno di venti giorni. La prima, il 29 gennaio. Vittima una ragazza sudamericana di 29 anni, aggredita sul treno Milano-Novara, il convoglio dei pendolari. Ad abusare della donna, quattro nordafricani. Ancora, il 7 febbraio scorso una 17enne italiana partecipa a una festa dopo aver marinato la scuola. Sarà vittima di una violenza di gruppo, in un appartamento di via Acciaierie. Due le persone arrestate. Il giorno dopo, una 19enne riesce a mettere in fuga il suo aggressore, che aveva tentato di abusare di lei in un giardinetto della Bovisasca. Il 13 febbraio, infine, un’ucraina di 36 anni viene attirata in un’abitazione di via Marx. Un uomo le aveva offerto un lavoro come badante. Una volta nel suo appartamento, però, la stupra.