Pavarotti a «Vale»: pentito di aver mangiato troppo

da Roma

Valentino Rossi e Luciano Pavarotti? Le moto e l'opera lirica? Tutt'altro che opposti estremi, come dimostra l'intervista al maestro che il pilota ha proposto e realizzato per il mensile Rolling Stone che ne ha diffuso una anticipazione. L'idea è stata del sette volte campione del mondo di motociclismo, già spalla di Celentano nel gioco del rock&lento: «Facciamo un'intervista al maestro Pavarotti sulla sua vita rock&roll? È più rock lui di tutti noi». Pavarotti a Rossi ha raccontato di aver posseduto una moto: «Sì ne ho avuta una, un Guzzino: un 50 della Guzzi». Poi Valentino ha chiesto a Luciano cos'è il rock. «Credo che sia rock - la risposta del tenore - cercare di realizzare i propri sogni, spendersi per uno scopo, e sempre nel rispetto degli altri. È hard-rock rimanere se stessi quando il sogno è conquistato!». E qual è la cosa più rock che hai fatto nella tua vita? «Bè, il primo episodio rock che mi viene in mente è stato il do di petto della Figlia del reggimento nel 1966, prima di allora nessuno lo aveva mai fatto in voce piena, fu una soddisfazione grande». Poi l'ultima curiosità di Valentino: rifaresti tutto nella tua vita? «Sì, tranne mangiare così tanto».