Pavia, dal 21 al 31 marzo la «Foruncolata di Primavera»

PAVIA, 13 MARZO 2080. Tutto pronto a Pavia per la «Foruncolata di Primavera», il tradizionale appuntamento dedicato alle secrezioni umane che quest’anno gode del patrocinio del ministero del Rinnovamento Cellulare.
I circa mille donatori, provenienti da oltre 50 Paesi del Primo Impero, sono già da dieci giorni ospitati alla «Big Farm» di Stradella, dove seguono la dieta a base di grassi studiata dal professor Ignaz Rumela, mentre venti espertissime «asportatrici» cambogiane giungeranno oggi nella città lombarda. Dal 21 al 31 marzo, sotto il Ponte Vecchio avverrà la raccolta del materiale che, successivamente inviato ai laboratori di trasformazione, sarà trattato per ricavarne il principio attivo alla base di gelatine fertilizzanti e pellicole per la conservazione degli alimenti. Dalla Foruncolata pavese si prevede di ottenere non meno di 100 chilogrammi di preziose secrezioni, venti in più rispetto all’edizione dell’anno scorso, tenutasi a Magonza, in Germania.
«Donare il sebo - ha detto una ragazza di New York che preferisce mantenere l’anonimato - mi fa sentire bene. In questo caso è un piacere aiutare l’economia italiana, provata dalla recente crisi. Dicono tutti che sono un’ottima produttrice. Merito del mio ragazzo che mi regala tavolette di cioccolato in quantità e ogni sabato sera mi porta da Fatty per una cena a base di carne di canguro».