Pd, nasce il Comitatone ed è subito polemica. Arruolato Follini

Prodi annuncia: 45 personalità di spicco nel comitato politico. Ci sono leader di partito, ministri, presidenti di regione. Spunta anche il nome di Marco Follini. Buttiglione: <strong><a href="/a.pic1?ID=180071">&quot;Così Marco scompare dalla politica&quot;</a></strong>. La stroncatura di Velina rossa: <strong><a href="/a.pic1?ID=180076">&quot;Questo presepe non ci piace&quot;</a></strong>

Roma - E' stato appena varato il "comitatone" che raccoglie i soci fondatori del Partito democratico, ma già divampano le polemiche. Qualcuno, infatti, ha subito fatto notare che 45 nomi sono un po' troppi. Qualcun altro, invece, c'è rimasto male perché escluso. Intanto il premier Prodi prova a smussare le tensioni: "Abbiamo messo alcune personalità importanti". Così il professore ha risposto a chi gli chiedeva come mai fosse così alto il numero dei "fondatori". Scorrendo il lungo elenco del "Comitatone" si trova anche il nome di Marco Follini, ex segretario dell'Udc, alleato di Casini fin dai tempi della Dc, ed ex vicepremier del governo Berlusconi. Follini esce così allo scoperto, dopo la clamorosa rottura con Casini e mesi di "guerriglia" politica contro Berlusconi e la Cdl, accasandosi ufficialmente con il nuovo partito del centrosinistra.

"Protestano le donne: siamo troppo poche" Ma le polemiche non finiscono qui. C'è anche un problema di "quote rosa". "Era meglio che ci fosse qualche donna in più, non ci sono dubbi. Lo dice Barbara Pollastrini, ministro per le Pari opportunità. Rincara la dose Anna Finocchiaro, capogruppo dell’Ulivo al Senato: "il comitato non può che fare conto sulle classi dirigenti dei partiti e riprodurne le disparità. I prossimi passaggi dovranno prevedere un aumento della presenza femminile"

Chi fa parte del Comitato Il presidente del Consiglio, i leader di Ds e Margherita, alcuni presidenti di Regione, diversi sindaci di grandi città e qualche rappresentante della società civile e delle associazioni e anche il fondatore di Slow food: questa la composizione del comitato promotore del Partito democratico che si è riunito oggi per la prima volta nella sede di Santi Apostoli a Roma. Ecco nel dettaglio i nomi dei membri che dovranno disegnare il percorso di costruzione del nuovo soggetto politico: Giuliano Amato, Mario Barbi, Antonio Bassolino, Pireluigi Bersani, Rosi Bindi, Paola Caporossi, Sergio Cofferati, Massimo D’Alema, Marcello De Cecco, Letizia De Torre, Ottaviano Del Turco, Lamberto Dini, Leonardo Domenici, Vasco Errani, Piero Fassino. Siederanno al tavolo del comitato che tornerà a riunirsi mercoledì prossimo anche Anna Finocchiaro, Giuseppe Fioroni, Marco Follini, Dario Franceschini, Vittoria Franco, Paolo Gentiloni, Donata Gottardi, Rosa Jervolino, Linda Lanzillotta, Gad Lerner, Enrico Letta, Agazio Loiero, Marina Magistrelli, Lella Massari, Wilma Mazzocco, Maurizio Migliavacca, Enrico Morando, Arturo Parisi, Carlo Petrini, Barbara Pollastrini, Romano Prodi, Angelo Rovati, Francesco Rutelli, Luciana Sbarbati, Marina Sereni, Antonello Soro, Renato Soru, Patrizia Toia, Walter Veltroni e Tullia Zevi.

Le prossime tappe Dopo l'insediamento di oggi del Comitato costituente, mercoledì prossimo ci sarà una nuova riunione per entrare nel vivo del dibattito sulle regole per l’assemblea costituente, che saranno al centro anche di un seminario entro il 15 giugno. L’idea, emersa stamattina nella prima riunione, è di anticipare entro il 20 giugno la proposta su come si eleggeranno i membri dell’assemblea costituente, che sarà votata il 14 ottobre.