Il Pd rottama Visco e gli scontrini

E chi l’ha detto che la sinistra non è capace di rinnovarsi? Basta buttare un occhio a cosa ha recentemente presentato alla Camera il Pd: una bella interrogazione al ministro dell’Economia Giulio Tremonti - prima firmataria la deputata Luciana Pedoto - con la quale si chiede di abolire gli scontrini fiscali per le piccole imprese commerciali e artigiane. Il tutto per favorire la ripresa economica. «Sarebbe - si legge nell’interrogazione - un segnale positivo introdurre norme di buon senso e di contrasto alla crisi». Difficile non riconoscere nel riferimento al «buon senso» una stilettata ai vecchi governi di centrosinistra. Chi sa cosa ne pensa di tutto questo, nello specifico, l’ex vice ministro dell’Economia Vincenzo Visco, che durante l’ultimo esecutivo retto da Romano Prodi aveva fatto dello scontrino fiscale lo strumento simbolo della sua lotta all’evasione fiscale, tanto da adottare in materia norme severissime: al terzo scontrino non rilasciato, giù la saracinesca per sempre.