Pd, Rutelli: temo brogli in Campania E Fi attacca: dati poco attendibili

Il vicepremier: "Ho notizie di
denunce di poca trasparenza che spero vengano fugate poiché i seggi si
sono chiusi da tempo&quot;. <strong><a href="/a.pic1?ID=213351">Ecco le prove della farsa</a></strong>. <a href="/video.pic1?ID=MG-151007"><strong><font color="#ff6600">Guarda il videoeditoriale di Mario Giordano</font></strong></a>: &quot;Il partito nuovo nato vecchio&quot;. <strong><a href="/a.pic1?ID=213359">Gli azzurri: risultati poco reali</a></strong>

Roma - Non si placano le polemiche sulla regolarità del voto nelle primarie del Partito democratico. Dopo le accuse del centrodestra arrivano le parole del vicepremier Francesco Rutelli che, a ben vedere, pesano come macigni. "Sono molto preoccupato, mi arrivano notizie di procedure quantomeno scombinate e denunce di poca trasparenza che spero vengano immediatamente fugate poiché i seggi si sono chiusi anche in Campania oramai 20 ore fa". Così il vicepremier risponde a chi gli chiede conto dello spoglio che in Campania sta procedendo molto a rilento. "Credo che gli organismi di garanzia debbano assicurare la massima, serena correttezza anche in questa regione".

Prodi: "Ora non si possono fallire le Europee" "Guardiamo già ai prossimi impegni e alle prossime scadenze. All’orizzonte, vediamo le elezioni europee del 2009. Una occasione, in cui il nostro partito sarà chiamato a misurarsi con traguardi e prospettive più ampi. Un appuntamento da non fallire". È quanto scrive il premier Romano Prodi in una lettera inviata oggi a Veltroni. Il premier fa presente che ci saranno "difficoltà, tensioni e tentazioni" a cui non si potrà cedere. "Ci sono tantissime cose da fare. Ma ci sono tre milioni e mezzo di motivi per farle con il sorriso".

Di Pietro: "La coalizione attuale non può essere quella futura" "L’attuale composizione di centrosinistra non può essere la futura coalizione di centrosinistra, atteso che i progetti, i programmi e le prospettive sono diverse da quelle di cui ha bisogno il Paese". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro commentando la vittoria di Veltroni. "Certamente - ha aggiunto - c’è necessità di una composizione e ricomposizione dei poli. Noi dell’Italia dei Valori cerchiamo una condivisione di responsabilità con il Pd e a tempo debito, oggi non vogliamo rovinargli la festa, chiederemo come voglia costruire la futura coalizione perchè c’è la necessità di una scomposizione e ricomposizione dei poli".