Pd, scoppia la rivolta dei veltroniani

Tutti contro tutti: la sfida per la segreteria del futuro Partito democratico finisce per diventare una guerra con tanto di accuse reciproche. E il sospetto lanciato da Enrico Letta sugli elenchi dei cittadini che votarono alle primarie del 2005 tenuti «top secret», ha avuto l’effetto immediato di benzina sul fuoco. I veltroniani infatti hanno immediatamente replicato agli attacchi della Bindi e dello stesso Letta accusando i rivali di «delegittimare» il sindaco di Roma. Ma la Bindi replica: «Solo una sana competizione». Intanto il centrodestra si divide sulle manifestazioni contro Prodi. Forza Italia ad An e Udc: noi non ci saremo.