«Il Pd si vergogna del suo alfiere?»

Nel guardare i manifesti per le Comunali i bolognesi sono rimasti interdetti: dai poster di Flavio Delbono (nella foto) sono spariti i simboli dei partiti che lo sostengono. Insomma c’è chi parlava di disorientamento e chi di grande costernazione, ma il quesito lo ha forse centrato davvero il politologo Gianfranco Pasquino, anche lui in lizza tra i candidati sindaco alla guida di una propria lista civica: «È Delbono che si vergogna del Pd oppure è il Pd che si vergogna di Delbono?». Mistero. O meglio indovinello che il cittadino o l’elettore potrà cercare di risolvere se lo vorrà. Di fatto è la continuazione di una polemica fra le primarie del Pd e Pasquino che butta benzina sul fuoco: «Il Pd si è silenziosamente sciolto o prende le distanze dal suo candidato, scelto in discutibili primarie?».