Il Pdci scopre di non essere il Pd

Graziano Cioni, la sua candidatura l’aveva buttata lì, con un sms agli amici nel quale chiedeva: «E se mi candidassi a sindaco di Firenze?». La prima risposta, all’assessore comunale alla Sicurezza noto per le ordinanze anti lavavetri e anti mendicanti, è arrivata ieri, non sul telefonino ma su carta intestata Pdci: «A noi non interessano le primarie, ma un’alternativa di sinistra a Cioni, che ha una cultura di stampo leghista», scrive il capogruppo in Consiglio regionale della Toscana Eduardo Bruno. Che aggiunge: «Se quella di Cioni è anche la posizione del Pd, allora noi comunisti diciamo subito che siamo distanti anni luce da quel partito». Qualcuno gli racconti che lo ha già detto da un pezzo...