Pdl: cresce l’ipotesi di Giorgia Meloni

L’annuncio ufficiale è slittato ancora e la scelta del candidato per il Pdl sta diventando davvero una specie di sit-com. L’unica certezza è che la candidatura di Giuliano Ferrara è definitivamente tramontata. Ad annunciarlo è lo stesso direttore del Foglio, che ieri mattina di buon’ora ha preso carta e penna e ha inviato un messaggio a Gianfranco Fini e Gianni Alemanno, suoi principali interlocutori nella trattativa. «Cari amici, dal momento che siete orientati a non collaborare con la mia lista per la vita e contro l’aborto, vi prego di prendere nota della mia indisponibilità ad accogliere la vostra offerta di candidarmi a sindaco di Roma. Con i migliori e più cordiali saluti, e con gli auguri per una buona e serena campagna elettorale». Dopodiché sono riprese le riunioni e le trattative, e il nome in pole position è sempre più insistente: Giorgia Meloni. Lei, intanto, continua a fare il suo lavoro da vicepresidente della Camera, presiedendo anche ieri l’Aula. «Non è deciso nulla - spiega la Meloni chiacchierando con una cronista in Transatlantico -. Io non ho ancora parlato con nessuno. E poi bisogna vedere cosa ne penso io...». Secondo l’ultimo sondaggio ufficiale disponibile, effettuato da Crespi ricerche, la Meloni, a fronte di un Rutelli al 47%, sarebbe al 36,5%, Storace attorno al 13 e Bordon al 2. Intanto Fini, da Napoli, in serata, a una domanda sulla candidatura di Giorgia Meloni, dice: «Stiamo discutendo, mi auguro che si chiuda tra qualche ora, al massimo tra qualche giorno».
Passa un’altra giornata in stand-by. Alla fine, stando a quanto riportano alcune voci di An, il nome scelto potrebbe essere annunciato venerdì, in occasione del primo direttivo romano del Pdl. Ma anche qui non mancano le incognite: «Direttivo? Io non ne so niente - afferma il coordinatore regionale del Lazio di Forza Italia, Francesco Giro - mi pare ci sia una grande confusione nella parte “aennina” del Pdl». La sit-com quindi si tinge di giallo: qual è la verità? Intanto, nel quartier generale di An si vagliano anche «nuovi nomi». C’è anche chi lavora per far cadere l’indisponibilità di Maurizio Gasparri, che invece continua a dire «no grazie». Un’ipotesi, quella dell’ex ministro della Comunicazione, su cui il candidato della Destra, Francesco Storace fa il suo commento: «Rispetterò qualsiasi candidato avversario, anche Gasparri eventualmente. D’altra parte con lui ho spartito il pane per una vita, poi se arriva terzo dopo me e Rutelli il problema è suo».
Il tempo intanto stringe. Nei circoli di An sparsi per la città il clima non è dei migliori. I militanti scalpitano e soprattutto non capiscono come mai ci sia tutta questa attesa. «Una campagna elettorale non si improvvisa», spiega qualcuno di loro. «Noi siamo pronti a lavorare, stiamo perdendo solo tempo».