Il Pdl denuncia «La Regione fa pagare doppio ai pendolari»

«La giunta regionale non è capace di far rispettare gli accordi. Così i cittadini pagano due volte l’aumento delle tariffe»: lo denunciano i consiglieri regionali del Pdl Matteo Rosso e Gino Garibaldi annunciando di aver presentato un’interrogazione urgente in merito all’aumento di 10 euro dell’abbonamento per i pendolari della tratta Genova-Milano e ritorno, che da 98,40 euro passa a 106,60. I due esponenti del Pdl si dicono sconcertati di questa notizia «che arriva come un fulmine a ciel sereno proprio dopo che l’assessore ai Trasporti Enrico Vesco aveva dato rassicurazioni che il paventato aumento per quanto riguarda gli abbonamenti non ci sarebbe stato. E se - aggiungono Rosso e Garibaldi - come dice Vesco il blocco delle tariffe era stato precedentemente finanziato con i soldi della Regione (che sono quelli dei cittadini) all’interno dell’accordo sul Contratto di Servizio con Trenitalia, questo aumento suona ancor più grave e pesante per gli utenti che di fatto pagano il doppio». Ennesima presa in giro, dunque, per i pendolari.