Il Pdl fa festa al governo: «Mantiene le promesse»

Appuntamento del Pdl con i milanesi: dal 2 al 5 ottobre, il Popolo della Libertà fa festa. E lo fa schierando al Lido di Milano tutti i ministri del «governo Berlusconi che mantiene gli impegni».
Incontri da segnarsi in agenda, da giovedì a domenica: nello spazio del Lido - in piazzale Lotto -, naturalmente, ci si confronta sulla «pre-costituzione formale del Pdl» chiosa Ignazio La Russa. «An e Fi non vengono da direzioni diverse. Dal ’94 hanno sempre marciato parallelamente e nella stessa direzione. Non c’è mai stata un’elezione in cui An e Fi fossero separati, rispetto agli altri alleati. Quindi vanno bene avanti insieme», spiega il ministro della Difesa. E «verso il Pdl» si arriva anche con due dibattiti: quello di La Russa e Denis Verdini (domenica, ore 18.30) e l’incontro con Marcello Dell’Utri, Michela Brambilla, Adolfo Urso (sabato, 15).
Ma il primo meeting ufficiale del Pdl prevede pure (sabato, 17.30) un focus su Milano e la Lombardia con ospiti Roberto Formigoni, Letizia Moratti, Gianni Alemanno, Giancarlo Galan e Andrea Ronchi seguito da un dibattito con i capigruppo del Pdl al Comune e alla Provincia di Milano.
Altri temi caldi della tre giorni targata Pdl sono la scuola - sabato (10.30) a più voci con Maria Stella Gelmini, Sandro Bondi, Mario Mauro e Paola Frassinetti - e la sanità (domenica, 10.30) con moderatore Mario Giordano e gli interventi di Maurizio Sacconi, Giancarlo Abelli, Romano La Russa, Cesare Cursi e Luciano Bresciani. Da segnalare anche l’intervista di Paolo Mieli a Gianfranco Fini (sabato, 16) mentre venerdì (18.00) è il giorno tematico su le «riforme, chimera o realtà»: confronto moderato da Bruno Vespa con ospiti Ignazio La Russa, Fabrizio Cicchitto, Italo Bocchino e Gaetano Quagliariello.
Unico appuntamento con «un’eccezione» rappresentata da «Luciano Violante, l’unico che abbiamo invitato del centrosinistra» aggiunge La Russa. E la famiglia? È in calendario sabato (21) con Alfredo Mantovano, Mara Carfagna, Giorgia Meloni, Carlo Giovanardi e Barbara Saltamartini. Ci sono poi «dieci domande a Giulio Tremonti» (domenica, 15.30) e a seguire, moderatore Ferruccio De Bortoli, un confronto sul «sistema Italia» tra Claudio Scajola, Altero Matteoli, Maurizio Lupi e Alberto Giorgetti. Infine, last but not least, la questione sicurezza (domenica, 17.30) affrontata da Roberto Maroni, Maurizio Gasparri e Jole Santelli.
Ok, ma il premier Silvio Berlusconi? «È atteso domenica. Quando? Sceglierà lui in che momento» fa sapere La Russa. Tranquilli, dunque, il «governo Berlusconi mantiene gli impegni» e «Silvio c’è».