Pdl, un percorso iniziato 14 anni fa

Al comitato costituente del Popolo delle
libertà, Berlusconi ha dato il via ai lavori che porteranno alla nuova formazione politica. La Russa: "Una svolta per il bene del Paese". Gasparri entusiasta: "La nave è salpata"

Roma - L’impresa "storica" di costruire il Pdl è quella di dar vita a "una forza politica aperta che possa riferire a tutti gli elettori attraverso siti internet, sedi locali, circoli che manterremo vivi". Parlando al comitato costituente del Popolo delle libertà, il premier Silvio Berlusconi ha dato il via ai lavori che porteranno alla nuova formazione politica. "Oggi abbiamo avviato un percorso che è stato già benedetto dagli italiani - spiega il ministro della Difesa, Ignazio La Russa - daremo vita a un soggetto politico che si riconosce nei valori della Costituzione e dei popoli europei presenti al parlamento europeo".

La Russa: "Una svolta per il Paese" "Questa è una tappa di un processo iniziato 14 anni fa, una svolta importante e decisiva", ha dichiarato il ministro La Russa uscendo dalla prima riunione della costituente del Pdl appena conclusa a Piazza di Pietra. "Abbiamo parlato - prosegue il ministro - io, Verdini e poi soprattutto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che ha concluso con un saluto al presidente della Camera Gianfranco Fini che ha ricordato, come avevo già fatto io nel mio piccolo, di valori che ci uniscono che sono quelli di libertà e di democrazia". "Questo è un richiamo - sottolinea il reggente di di An - al partito dei popoli europei in sede europea e c’è la volontà di essere sempre più vicini alle attese degli italiani con un progetto unico che sancisce in maniera irreversibile il bipolarismo che abbiamo voluto nell’interesse degli italiani".

Gasparri: "La nave è salpata" "La nave è salpata". Con questa espressione il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri si dice entusiasta di quanto costruito finora. "Ho sostenuto - sottolinea il senatore - questo progetto da sempre. Io sono uno che non si emoziona molto però mi sono emozionato per questo evento perchè ci sono voluti anni, talvolta perfino incomprensioni, e adesso la nave è salpata". "Questo è stato - prosegue Gasparri - un evento semplice però mi sono emozionato perchè finalmente è andata. Per il resto ci aspetta un lavoro di gestione e organizzazione. Sono molto contento". Il capogruppo del Pdl a Palazzo Madama ci tiene in conclusione a sottolineare come il nascente Pdl sarà un partito "antifascista e anticomunista". In questo modo Gasparri mette a tacere le polemiche di questi giorni in merito ai valori antifascisti come fondamento della democrazia.