Il Pdl romano Tornano i gazebo informativi: uno in ogni municipio

Tornano in piazza i Gazebo, i primi dopo la nascita ufficiale del Popolo della Libertà. Nella giornata di oggi(sabato 9 maggio), dalle 10 alle 17, verranno allestiti 19 punti di informazione, uno per ogni municipio in cui verrà distribuito materiale illustrativo di un anno di lavoro della giunta Alemanno.
I risultati raggiunti dal sindaco sono stati sintetizzati in 10 punti: prima di ogni altra cosa viene il piano di rientro del debito e il miglioramento del rating ufficialmente riconosciuto dalle agenzie internazionali; al seondo posto, come importanza, ci sono sia legge per Roma Capitale sia la Commissione Marzano. Quindi, tra i risultati raggiunti, si annovera il patto per Roma sicura. Poi, ancora, lo stop al parcheggio del Pincio e al piano parcheggi; la revoca dell’appalto Romeo e il conseguente incremento dei fondi per la manutenzione stradale; la stabilizzazione dei precari del comune, la riforma del trasporto pubblico locale, gli investimenti per le metropolitane, il sostegno alle famiglie con la carta bimbo. E all’ultimo posto, ma non certo per importanza, il piano nomadi e il nuovo regolamento dei campi. Per ognuno di questi temi saranno disponibili ulteriori informazioni e materiale informativo.
«Torniamo, come è nostra tradizione, nelle piazze - spiega il coordinatore romano del Pdl Gianni Sammarco - per tastare il polso dei cittadini sui temi che li riguardano. I numeri di sondaggi importanti come Ipsos e Governance Poll hanno dimostrato che i romani hanno apprezzato il lavoro del sindaco Gianni Alemanno e della sua giunta. È stato un anno di lavoro complesso, durante il quale il nostro primo cittadino, che aveva ereditato una grave situazione finanziaria dopo gli anni di egemonia della sinistra, si è rimboccato le maniche, ha rimesso in moto la macchina amministrativa ed è stato tenace anche nel portare le istanze di Roma all’attenzione del governo nazionale». «L’articolo della legge sul federalismo fiscale che riguarda Roma capitale - continua Sammarco - è un altro risultato importantissimo ascrivibile a Gianni Alemanno e, naturalmente, al presidente Silvio Berlusconi. I nostri gazebo serviranno a spiegare dettagliatamente anche questa norma, che conferirà nuove attribuzioni alla città, riconoscendone il prestigio e la complessità delle funzioni che quotidianamente è chiamata a svolgere».
«Il Popolo della Libertà - assicura il coordinatore romano - a cominciare dal suo leader Silvio Berlusconi, preferisce stare in mezzo alla gente senza rinchiudersi troppo nei palazzi del potere. La politica è un servizio nei confronti dei cittadini e comunicare direttamente con loro fa sì che non percepiscano i loro rappresentanti distanti dalla loro realtà e dalle loro problematiche».
«È fondamentale non perdere mai il contatto con il territorio: nei nostri punti informativi - conclude Sammarco - i romani potranno compilare un questionario ed esprimere la propria opinione sul livello della sicurezza, della pulizia delle strade, dei trasporti ma anche darci delle indicazioni su cosa pensano dei grandi progetti in pectore come il sottopasso di Castel S. Angelo, i nuovi stadi di Roma e Lazio e il Gran Premio di Formula Uno. Ogni cosa è perfettibile e a noi piace discuterla con la collettività».