Il Pdl a Rutelli: «Seduta su Genchi»

Francesco Rutelli convochi d’urgenza il Copasir sul «caso Genchi». A chiederlo, in una lettera al presidente, sono i rappresentanti Pdl nel Comitato parlamentare di sicurezza, Carmelo Briguglio, Fabrizio Cicchitto, Giuseppe Esposito e Gaetano Quagliariello dopo le anticipazioni del libro «Il caso Genchi - storia di un uomo in balia dello Stato», con riferimenti a tabulati telefonici acquisiti da Gioacchino Genchi con la sua attività di consulente dell’autorità giudiziaria. Intercettazioni che, si legge nella lettera «configurano un nuovo, grave vulnus rispetto alla privacy dei cittadini e alla sicurezza dello Stato, di fronte al quale le istituzioni non possono rimanere inermi». Tanto più che, si legge nella lettera, Genchi «nonostante la pendenza di un procedimento giudiziario e nonostante le gravi conclusioni cui il Parlamento è addivenuto per il tramite della Commissione da lei presieduta, nel mese di ottobre avrebbe ricevuto un formale mandato di collaborazione da parte della Procura della Repubblica di Crotone (Procura, peraltro, già oggetto di precedenti comunicazioni alla presidenza del Senato in merito all’utilizzo di intercettazioni telefoniche con un parlamentare fra gli interlocutori)». Per i parlamentari Pdl «sarebbe irresponsabile abbassare la guardia», perché «è a repentaglio la qualità della democrazia»