Pdl-Udc, prove d’intesa alle urne

Se si tratti di reale apertura si vedrà. E il nodo verrà sciolto in primavera. Da Roccaraso, però, partono timidi segnali di avvicinamento all’Udc. A lanciarli sono i capigruppo Pdl di Camera e Senato, dal palco di Neve Azzurra, tradizionale appuntamento di Fi organizzato per la prima volta con il simbolo del partito unico. «L’Udc all’epoca non aderì all’appello del Pdl, prevedendo che fosse finita la fase trainante di Berlusconi», attacca Cicchitto, convinto che sia stata una visione «sbagliata». Adesso, aggiunge, «ci sono le amministrative, poi vediamo». «Da cosa nasce cosa», ammette. Si dichiara invece «possibilista» Gasparri (nella foto). «Non escludo un riavvicinamento - spiega - ma in questo momento stiamo costruendo il Pdl». Quindi, «lasciamo che siano i dirigenti a livello locale a decidere cosa fare sul territorio».