A Pearson la Paravia-Bruno Mondadori

Il gruppo britannico ha acquisito l’80% dello storico marchio italiano di libri scolastici

da Milano

Il colosso britannico dell'editoria Pearson, che pubblica il Financial Times e le collane di libri della Penguin, ha rilevato l'80% della Paravia Bruno Mondadori, attiva nelle pubblicazioni scolastiche. Per l'operazione, il gruppo è stato assistito dallo studio Freshfields.
Ad attirare l'operatore britannico, leader mondiale dell’editoria scolastica, che dopo l'acquisizione fonderà Paravia con Pearson Education Italia, è proprio il redditizio mercato italiano del libro di testo, composto da 6,5 milioni di studenti per un giro d'affari annuo da 620 milioni di euro, e registra una crescita dei prezzi intorno al 3-4% annuo.
La Paravia Bruno Mondadori - nata nel 2000 dalla fusione tra Edizioni Bruno Mondadori e Paravia, con sedi a Milano e Torino - è il terzo operatore di questo mercato, con una quota del 10%, e ha realizzato nel 2005 un giro d'affari di 70 milioni. Nel suo catalogo figurano più di 3mila titoli, compresi testi universitari, materiale per docenti e dizionari. Pearson, che nel 2005 ha realizzato circa i due terzi delle vendite negli Stati Uniti, conta di migliorare i ricavi per azione a partire dal 2007. L'operazione sarà completata entro giugno. I dettagli finanziari non sono stati resi noti, ma secondo alcuni analisti il valore dell’acquisto si aggirerebbe intorno ai 67 milioni di euro.