Pedofilia Anni di abusi, preso filippino

Ha abusato della figlia minorenne della convivente, che non si era accorta di quanto stesse accadendo entro le mura domestiche. In manette è finito un 26enne filippino che aveva iniziato a rivolgere attenzioni morbose alla giovane vittima già da qualche anno. Il disagio della bambina, che ora ha 11 anni, era stato percepito dagli insegnanti che avevano segnalato il caso alla polizia.
Personale della squadra Mobile specializzato nella trattazione degli abusi in danno di minori, ha ascoltato il drammatico racconto della bimba che ha ripercorso in maniera dettagliata gli abusi subiti dal patrigno in un’audizione protetta nella «Sala Calipari» della Squadra Mobile, progettata per l’accoglienza e la testimonianza dei minori vittime di abusi. Al termine di un’intensa e riservata attività d’indagine, i poliziotti della Questura hanno richiesto un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’extracomunitario. Ordinanza eseguita giovedì pomeriggio dagli agenti della Mobile.
L’uomo si trova ora rinchiuso all’interno del carcere di Regina Coeli in attesa di essere interrogato. L’attività investigativa è stata resa possibile grazie anche alla costante attività di «rete» che è stata realizzata tra gli uffici investigativi della Questura di Roma e gli Istituti scolastici della Capitale.