A Pegli, stelle cadenti precedute dal «bolide»

(...) di 60 km al secondo, consumandosi interamente nell’atmosfera». E che due giorni fa, avvistata sia a Pegli, sia a Nervi, ha illuminato il firmamento ligure con una scia visibile per una ventina di secondi. Il bolide sopra Genova testimonia, aggiunge Riva che «siamo già dentro al periodo delle stelle cadenti, che non sono altro che polveri di cometa». Le stelle, comunque, quest’anno hanno la luna di traverso. Il cielo, infatti, piangerà qualche lacrima in meno. Circa 4 o 5 stelle cadenti all’ora invece delle abituali 4 o 5 ogni cinque minuti. La colpa è proprio della luna, che in questi giorni è piena, il cui bagliore renderà meno visibile il passaggio delle Perseidi, gli asteroidi provenienti da est dalla caratteristica scia luminosa. Un fenomeno che « fino a qualche secolo fa aveva il suo picco la notte del 10 agosto, dando così vita alla tradizione della notte di san Lorenzo».