Peirsol e la 4x100 Altri due mondiali stritolati dagli Usa

Ai risultati - ottimi - della vecchia Europa in occasione dei recenti campionati continentali di Budapest, gli americani rispondono con i record mondiali che stanno animando i campionati panpacifici, a Victoria, in Canada. Ieri lo statunitense Aaron Peirsol ha portato a 1’54’’44 il limite mondiale dei 200 dorso, migliorando il proprio record precedente, che era di 1’54’’66 ed era stato realizzato il 29 luglio dello scorso anno a Montreal. Per dare un riferimento, a Budapest il titolo dei 200 dorso è andato al russo Vyatchanin che ha vinto l’oro nel tempo di 1’55’’44, un secondo peggio di Peirsol. Un altro record - e probabilmente il più significativo - è venuto dalla staffetta veloce maschile statunitense che ha nuotato la 4X100 stile libero nel tempo di 3’12’’46. Il limite precedente (3’13’’17) apparteneva al Sudafrica ed era stato realizzato nel 2004 ad Atene, in occasione dei Giochi olimpici. Anche qui vien bene la comparazione con i campionati europei. A Budapest, l’oro della 4X100 stile libero è andato al quartetto azzurro che ha fermato i cronometri sul tempo di 3’15’’23: la differenza, da dividersi tra le quattro frazioni, è di 2’’77, una cinquantina di centesimi per ogni staffettista.